Incognita Covid, c'è chi guarda avanti: La Pizza+1 non si ferma, anzi raddoppia la produzione

4 Novembre 2020
Incognita Covid, c'è chi guarda avanti: La Pizza+1 non si ferma, anzi raddoppia la produzione

Una realtà nata da zero e in pochi anni arrivata a numeri notevoli: un fatturato – nel 2019 – di oltre 25 milioni di Euro, per una produzione di 4 milioni di teglie l'anno, tra pizze e focacce fresche destinate alla GDO e all'Ho.Re.Ca. Stiamo parlando de La Pizza+1, azienda di Piacenza leader del settore che ha inaugurato questo autunno un nuovo stabilimento di 2.600 metri quadrati, su un lotto totale di 4.600: nonostante il periodo di crisi dovuto al lockdown legato all'epidemia di Covid-19, la contrazione delle vendite, le incognite sull'immediato futuro, la realtà piacentina – affermata a livello internazionale – non si è fermata e anzi ha portato avanti un investimento imponente, che raddoppierà la capacità produttiva.

Un altro traguardo che si aggiunge ai tanti successi raggiunti dal 1996, anno di fondazione dell'azienda: “Siamo partiti con una piccola produzione in teglia, un progetto minimo in un piccolo capannone con pochi dipendenti - ricorda Sante Ludovico, CEO e fondatore de La Pizza+1 - Piano piano ci siamo fatti conoscere e apprezzare, inserendoci nella GDO e su diversi canali: questo ha permesso di ampliarci ed arrivare dove siamo ora. Credo che la nostra qualità e serietà nel servizio, dal prodotto alle consegne, sia stato l'elemento fondamentale che ci ha consentito una crescita costante”.

47 dipendenti stabili, a cui si aggiungono circa un centinaio di risorse da cooperativa, una superficie di quasi 15mila mq, presente in 14 Paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Giappone; tutto questo è La Pizza +1, che fornisce le principali catene della GDO, così come il canale Ho.Re.Ca e le cucine delle maggiori aziende italiane di catering, soddisfacendo con le proprie linee di prodotto le più svariate esigenze di consumo: dalla teglia grande per uso professionale ai piccoli formati.

Una strada colma di traguardi, anche se non sono mancate, nel 2020, le difficoltà: “con la diffusione del Coronavirus e il conseguente lockdown il primo pensiero è andato, ovviamente, alla sicurezza di tutti i nostri dipendenti - racconta Sante Ludovico - Abbiamo così attrezzato i nostri spazi dei dispositivi di sicurezza necessari a preservare la salute di ciascuno. Massima attenzione poi, come del resto è sempre stato, alla sicurezza di quanto prodotto”. La contrazione delle vendite, però, non ha ancora lasciato la sua morsa: “se con la GDO abbiamo ripristinato il consueto volume di fornitura, per l'Ho.re.ca. siamo ancora sotto del 40%”.

L'ampliamento de La Pizza+1 ha avuto una notevole risonanza a livello locale e nazionale: le testate del territorio hanno dato ampio spazio alla notizia, sia su cartaceo che su web, considerandone le ricadute territoriali, ma pure la stampa nazionale di settore – in diversa forma – ha pubblicato la news, anche con interviste video ad hoc.

Insomma, il “tam tam” mediatico ha avuto consistente risonanza su diversi canali, grazie ad un'opportuna campagna di comunicazione che ne ha modulato la notiziabilità in base al target.

Il tuo ufficio stampa fa altrettanto? Fare newsbuilding oggi non basta più: la concorrenza tra le notizie, nel mondo media, è altissima e bisogna essere sempre più bravi, più mirati, più puntuali; insomma, “fare centro”. Vuoi saperne di più? Contattaci senza impegno, ti daremo tutte le informazioni che desideri!